Gli Influencer come Agenti di Vendita: cosa cambia dopo la sentenza del Tribunale di Roma spiegato in quattro domande e risposte

Gli Influencer come Agenti di Vendita: cosa cambia dopo la sentenza del Tribunale di Roma spiegato in quattro domande e risposte

Gli influencer con la loro enorme visibilità e capacità di influenzare le scelte di consumo, stanno diventando partner commerciali sempre più ricercati dalle aziende, che vedono in queste collaborazioni un’opportunità per crescere e trasformare i follower in fedeli clienti.

La recente sentenza del Tribunale di Roma (n. 2615 del 4 marzo 2024) ha scosso il mondo degli influencer e delle aziende che collaborano con loro. Il tribunale ha infatti deciso che gli influencer che promuovono prodotti attraverso link e codici sconto online sono da considerarsi agenti di commercio.​

Cos’è cambiato?

Immagina di seguire il tuo influencer preferito e usare un suo codice sconto per comprare un prodotto. Secondo la sentenza, questa attività di promozione non è solo pubblicità, ma una vera e propria vendita. Gli influencer, in questo caso, sono come agenti di commercio perché guadagnano una commissione sulle vendite generate​

Perché potrebbe determinare una svolta importante?

Questa decisione potrebbe costare caro alle aziende. Se gli influencer sono considerati agenti di commercio, le aziende devono pagare contributi previdenziali a Enasarco e indennità di fine rapporto. È un cambiamento enorme, perché fino a poco tempo fa, il focus dei contratti con gli influencer era sulla qualità dei contenuti e il rispetto del brand, non sull’inquadramento contrattuale​

Come stanno reagendo le aziende?

Le imprese stanno già correndo ai ripari. Molte stanno rivedendo i contratti con l’aiuto dei legali per evitare sanzioni e costi aggiuntivi. Occorre capire se le collaborazioni con gli influencer rientrano nell’ambito delle vendite o delle sponsorizzazioni e verificare di volta in volta se le condizioni previste possano comportare una riqualificazione del contratto, con i relativi obblighi contributivi.

Cosa aspettarci?

Se questa sentenza si diffonderà, gli influencer potrebbero doversi iscrivere alla Camera di Commercio come agenti di commercio e le aziende dovranno adattarsi a nuove regole. È un cambiamento che potrebbe ridisegnare il panorama del marketing digitale, rendendo il lavoro degli influencer ancora più professionale e regolamentato​.

Ogni situazione ha le sue particolarità, ma senza una normativa chiara, questa sentenza rappresenta un segnale di attenzione per tutte le aziende che collaborano con influencer nella promozione dei propri prodotti. Indipendentemente dal settore o dalla dimensione dell’azienda, le modalità operative e i termini contrattuali determinano la qualificazione giuridica del rapporto con importanti conseguenze economiche e sanzionatorie.

Articoli Correlati

Gli Influencer come Agenti di Vendita: cosa cambia dopo la sentenza del Tribunale di Roma spiegato in quattro domande e risposte

Gli Influencer come Agenti di Vendita: cosa cambia dopo la sentenza del Tribunale di Roma spiegato in quattro domande e risposte

Gli influencer con la loro enorme visibilità e capacità di influenzare le scelte di consumo, stanno diventando partner commerciali sempre più ricercati dalle aziende, che vedono in queste collaborazioni un’opportunità per crescere e trasformare i follower in fedeli clienti. La recente sentenza del Tribunale di Roma (n. 2615 del 4 marzo 2024) ha scosso il […]

Manutentore del verde: i consigli di OPEN per diventare un ottimo giardiniere professionista

Manutentore del verde: i consigli di OPEN per diventare un ottimo giardiniere professionista

Se pensate che basti avere il pollice verde per intraprendere la professione di manutentore del verde non siete sulla strada giusta. Oggi, intraprendere la professione di manutentore del verde significa acquisire specifiche competenze, sia conoscenze teoriche, sia capacità pratiche per maneggiare correttamente attrezzature e macchinari di lavoro. Che cosa fa il Manutentore del verde? Quali […]

Perché aprire un Autolavaggio: una scelta imprenditoriale in crescita

Perché aprire un Autolavaggio: una scelta imprenditoriale in crescita

Il lavaggio di automobili è un servizio costantemente richiesto per il mantenimento dell’igiene e per la cura dei veicoli, e in forte espansione visto l’aumento esponenziale di auto in circolazione. Rappresenta quindi una possibilità remunerativa per chi ha intenzione di sviluppare un’attività imprenditoriale in questo settore. Step n. 1: cosa occorre valutare? I requisiti essenziali […]