Aprire un’attività di Gommista: i percorsi professionali necessari e le normative da conoscere.

Aprire un’attività di Gommista: i percorsi professionali necessari e le normative da conoscere.

La via dell’autoimprenditorialità costituisce una scelta strategica per chi aspira a una modalità di lavoro indipendente; tuttavia, richiede un impegno importante e una precisa idea imprenditoriale. La decisione di aprire l’attività di Gommista rappresenta un’opzione valida e attuale, considerando l’elevato numero di veicoli in circolazione e la costante necessità di manutenzione e sostituzione delle gomme, nonché il rispetto delle normative sulla sicurezza stradale che impongono standard specifici per pneumatici.

Oltre alla prestazione di servizi, come la riparazione e il cambio stagionale delle gomme, l’attività permette di ampliare il proprio fatturato con la vendita di pneumatici e accessori correlati. È importante, però, considerare che aprire un’impresa di questo tipo richiede un investimento iniziale significativo e la necessità di superare alcune barriere burocratiche. Sebbene non manchi la concorrenza, il mercato è sempre alla ricerca dell’alta qualità e di innovazione.

La professione di Gommista rientra nell’ambito dell’Autoriparazione, regolamentata dalla legge 5 febbraio 1992, n. 122. Questa categoria include tutte le operazioni di sostituzione, modifica e ripristino di componenti dei veicoli a motore, nonché l’installazione di impianti e componenti fissi.

L’attività di autoriparazione si distingue nelle seguenti categorie:

  • Meccatronica (comprende le attività definite di “Elettrauto” e “Meccanica e Motoristica”, della legislazione previgente alla legge n. 224/2012);
  • Carrozzeria;
  • Gommista.

Per avviare un’attività di Autoriparazione e quindi di Gommista, è necessario quindi:

  • Trasmettere la relativa denuncia telematica al Registro delle Imprese ovvero all’Albo delle Imprese Artigiane, corredata della Segnalazione Certificata di Inizio Attività, contenente la nomina di un responsabile tecnico in possesso dei requisiti tecnico-professionali previsti per l’esercizio dell’attività;
  • Il responsabile tecnico deve possedere almeno uno dei requisiti tecnico professionali elencati nell’art. 7 della legge n.122/1992 ed esplicitati di seguito.

I requisiti validi sono:

a) Esperienza professionale qualificata
Esercizio dell’attività di autoriparazione alle dipendenze di imprese operanti nel settore, per un periodo di almeno tre anni negli ultimi cinque, in qualità di operaio qualificato.

b) Titolo di studio ed esperienza professionale qualificata 
Frequenza con esito positivo di un corso di formazione regionale teorico pratico di qualificazione (conforme ai principi della legge 21/12/1978 n. 845) ovvero di un titolo di studio a carattere tecnico-professionale attinente all’attività, seguito da almeno un anno di esercizio dell’attività di autoriparazione, in qualità di operaio qualificato, alle dipendenze di imprese del settore, nell’arco temporale degli ultimi cinque anni.

c)    Titolo di studio
Diploma di laurea o diploma di istruzione secondaria di secondo grado in materia tecnica attinente all’attività, conseguiti presso istituti e università statali o legalmente riconosciuti (v. allegato “B” e allegato “C”).

Articoli Correlati

Incentivi per l’autoimpiego nello sviluppo di nuove tecnologie, transizione digitale ed ecologica

Incentivi per l’autoimpiego nello sviluppo di nuove tecnologie, transizione digitale ed ecologica

Le persone disoccupate sotto i 35 anni che, tra il 1° luglio 2024 e il 31 dicembre 2025, avviano un’attività imprenditoriale in Italia nei settori strategici per lo sviluppo di nuove tecnologie e la transizione digitale ed ecologica possono beneficiare dell’esonero dal versamento del 100% dei contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro privati, […]

Vuoi diventare un Autotrasportatore?

Vuoi diventare un Autotrasportatore?

Il trasporto merci conto terzi è un’attività che ha per oggetto la prestazione di servizi di trasporto, ovvero il trasferimento di merci mediante autoveicoli, verso un determinato corrispettivo e per conto di un altro soggetto. Ciò significa che rientrano in questa categoria gli autotrasportatori che trasportano merci che non appartengono alla propria azienda o all’azienda per cui lavorano. […]

Apertura di un centro estetico: i requisiti e gli adempimenti necessari

Apertura di un centro estetico: i requisiti e gli adempimenti necessari

Aprire un centro estetico continua a rappresentare una delle maggiori scelte imprenditoriali in un settore che non conosce crisi. Molte estetiste che hanno già lavorato come dipendenti, infatti, decidono di ottenere la qualifica da estetista presso gli enti di formazione accreditati e avviare un’attività autonoma. È necessario, però, considerare che lavorando a stretto contatto con la […]