Professione Parrucchiere: come aprire e far decollare il tuo salone di acconciatura

Professione Parrucchiere: come aprire e far decollare il tuo salone di acconciatura

Oggi il settore dell’Acconciatura continua ad essere considerato un terreno fertile per avviare un’attività imprenditoriale, in grado di generare un reddito proficuo e di adattarsi alle mutevoli esigenze e ai gusti dei consumatori. Il settore è, infatti, caratterizzato da una domanda costante e poco sensibile alle fluttuazioni economiche. I servizi di cura personale, come quelli offerti dai saloni di acconciatura, sono spesso considerati necessari dai consumatori, mantenendo così una clientela stabile anche in periodi di incertezza economica.

Vediamo come aprire un salone di acconciatura partendo da zero:

Prima di procedere con qualsiasi iniziativa, è di primaria importanza prendersi il tempo necessario per redigere un business plan con l’assistenza di consulenti esperti. Questo documento strategico ha la funzione di delineare la struttura finanziaria e strategica dell’impresa, individuando: l’ammontare dell’investimento iniziale, il budget disponibile, la possibilità di accedere a finanziamenti, la specifica tipologia di salone che si desidera aprire, il numero di dipendenti necessari per il funzionamento ottimale dell’attività.

È, inoltre, necessario includere un’analisi competitiva accurata e un benchmarking del settore per definire in modo preciso la tipologia di salone a cui si desidera dare forma e definire la strategia di marketing e la personalità comunicativa del vostro brand.

Un’altra scelta basilare è poi quella del luogo fisico. Dove si troverà il salone? Meglio se in un posto molto frequentato, su strade “vive” e ben collegate, in una posizione strategica e facilmente raggiungibile. Una volta impostate le fondamenta dell’impresa, prima di procedere con l’apertura fisica del locale, è necessario verificare il possesso dei requisiti professionali per la gestione di un salone di acconciatura e assicurarsi che il luogo scelto rispetti tutte le normative vigenti.

Per poter avviare un salone di acconciatura è necessaria la presenza di un Responsabile Tecnico, cioè di una figura in possesso dei requisiti professionali. È consigliabile che l’imprenditore stesso sia un parrucchiere qualificato, questo per ridurre i costi iniziali del personale, visto che se i requisiti non sono posseduti dal titolare dell’attività, questi devono essere posseduti da un dipendente.

I requisiti soggettivi si maturano secondo uno di questi percorsi:

1- Svolgimento di un corso di qualificazione della durata di due anni, seguito da un esame tecnico-pratico;

2- Svolgimento di un rapporto di apprendistato della durata prevista dal contratto nazionale di categoria, seguito da almeno un anno di lavoro qualificato (svolto nell’arco di due anni), seguito da un corso di formazione teorico-pratico e dal superamento del conseguente esame;

3- Svolgimento di un periodo di lavoro qualificato della durata di tre anni presso un’impresa di acconciatura, (nell’arco di cinque anni), unito allo svolgimento di un apposito corso di formazione teorica con contestuale esame.

I requisiti dei locali:

I locali utilizzati per l’attività di impresa devono possedere i requisiti previsti dal Regolamento Edilizio e dal vigente Regolamento comunale per le attività di acconciatore, nonché delle specifiche normative di settore, delle normative igienico-sanitarie, di tutela della sicurezza, urbanistiche ed edilizie vigenti, fermo restando inoltre l’obbligo di consentire i controlli da parte dell’autorità competente nei locali adibiti all’esercizio della professione.

Detto ciò, l’iter burocratico per l’avvio dell’attività sarà:

  1. Apertura Partita Iva e scelta del regime fiscale e contabile;
  2. Segnalazione di inizio attività al Comune di appartenenza e Asl;
  3. Iscrizione al Registro delle Imprese presso la Camera di Commercio ed eventuale Albo Artigiani;
  4. Apertura posizioni INPS e INAIL.

Strategia di Marketing e di Comunicazione

Implementare le strategie di Marketing e di Comunicazione costituisce un aspetto essenziale per contribuire alla costruzione di una presenza online solida e per promuovere la crescita dell’attività in un ecosistema digitale.

Ti consigliamo di avvalerti di un team di esperti per lavorare su queste 8 attività:

1- Identificazione del target di riferimento;

  • Costruzione della Brand Identity;
  • Produzione di contenuti e materiali multimediali di qualità;
  • Gestione dei Social Media in modo professionale;
  • Implementazione di campagne pubblicitarie online;
  • Analisi e monitoraggio dei risultati;
  • Mantenimento di un engagement attivo;
  • Definizione di strategie di influencer marketing.

Un salone di acconciatura può, quindi, rappresentare un ottimo investimento imprenditoriale, ma è fondamentale avere obiettivi precisi per impostare fin dall’inizio una strategia pianificata e una gestione ben organizzata.

Articoli Correlati

Incentivi per l’autoimpiego nello sviluppo di nuove tecnologie, transizione digitale ed ecologica

Incentivi per l’autoimpiego nello sviluppo di nuove tecnologie, transizione digitale ed ecologica

Le persone disoccupate sotto i 35 anni che, tra il 1° luglio 2024 e il 31 dicembre 2025, avviano un’attività imprenditoriale in Italia nei settori strategici per lo sviluppo di nuove tecnologie e la transizione digitale ed ecologica possono beneficiare dell’esonero dal versamento del 100% dei contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro privati, […]

Vuoi diventare un Autotrasportatore?

Vuoi diventare un Autotrasportatore?

Il trasporto merci conto terzi è un’attività che ha per oggetto la prestazione di servizi di trasporto, ovvero il trasferimento di merci mediante autoveicoli, verso un determinato corrispettivo e per conto di un altro soggetto. Ciò significa che rientrano in questa categoria gli autotrasportatori che trasportano merci che non appartengono alla propria azienda o all’azienda per cui lavorano. […]

Apertura di un centro estetico: i requisiti e gli adempimenti necessari

Apertura di un centro estetico: i requisiti e gli adempimenti necessari

Aprire un centro estetico continua a rappresentare una delle maggiori scelte imprenditoriali in un settore che non conosce crisi. Molte estetiste che hanno già lavorato come dipendenti, infatti, decidono di ottenere la qualifica da estetista presso gli enti di formazione accreditati e avviare un’attività autonoma. È necessario, però, considerare che lavorando a stretto contatto con la […]