Assicurazione contro le calamità naturali: obbligo per le imprese dal 31 Dicembre 2024

Assicurazione contro le calamità naturali: obbligo per le imprese dal 31 Dicembre 2024

La nuova normativa italiana stabilisce l’obbligo di assicurazione per le imprese, a copertura dei rischi derivanti da catastrofi naturali, come: terremoti, alluvioni, frane, inondazioni ed esondazioni. È importante sottolineare che la norma non prevede una dichiarazione ufficiale di stato di calamità per l’attivazione delle coperture.

I beni assicurabili secondo la normativa comprendono immobilizzazioni materiali, tra cui: terreni, fabbricati, impianti e macchinari, nonché attrezzature industriali e commerciali. Viene però esplicitata l’esclusione degli attivi circolanti dall’ambito della copertura. Le condizioni contrattuali prevedono che il premio assicurativo dovrà essere calcolato in proporzione al rischio, inoltre è prevista la possibilità di applicare una franchigia che può raggiungere fino al 15% del danno. Da notare l’importante ruolo di Sace, che funge da riassicuratore con la capacità di coprire fino al 50% degli indennizzi, con un impegno massimo di 5 miliardi di Euro annui nel triennio 2024-2026, supportato da una garanzia statale esplicita e irrevocabile.

La responsabilità per l’attuazione concreta di questa misura è affidata al Ministero dell’Economia e al Ministero delle Imprese e del Made in Italy, incaricati di formulare i decreti attuativi necessari, in collaborazione con l’IVASS – l’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni. L’obiettivo è di fornire alle imprese un periodo di tempo congruo per compiere gli adeguamenti, garantendo al contempo la massima efficienza e trasparenza nel processo di implementazione della normativa.

Per le imprese che non adempiono all’obbligo, è prevista una sanzione costituita dall’esclusione da contributi, sovvenzioni, agevolazioni, inclusi quelli legati ad eventi catastrofali.

Articoli Correlati

Professione Parrucchiere: come aprire e far decollare il tuo salone di acconciatura

Professione Parrucchiere: come aprire e far decollare il tuo salone di acconciatura

Oggi il settore dell’Acconciatura continua ad essere considerato un terreno fertile per avviare un’attività imprenditoriale, in grado di generare un reddito proficuo e di adattarsi alle mutevoli esigenze e ai gusti dei consumatori. Il settore è, infatti, caratterizzato da una domanda costante e poco sensibile alle fluttuazioni economiche. I servizi di cura personale, come quelli […]

Aprire un’attività di Gommista: i percorsi professionali necessari e le normative da conoscere.

Aprire un’attività di Gommista: i percorsi professionali necessari e le normative da conoscere.

La via dell’autoimprenditorialità costituisce una scelta strategica per chi aspira a una modalità di lavoro indipendente; tuttavia, richiede un impegno importante e una precisa idea imprenditoriale. La decisione di aprire l’attività di Gommista rappresenta un’opzione valida e attuale, considerando l’elevato numero di veicoli in circolazione e la costante necessità di manutenzione e sostituzione delle gomme, […]

Sei passaggi indispensabili per aprire la Partita IVA.

Sei passaggi indispensabili per aprire la Partita IVA.

Aprire una Partita IVA è un passo decisivo nell’avvio della propria attività imprenditoriale e richiede un processo di pianificazione accurata per non incorrere in scelte iniziali sbagliate. La nostra guida fornisce una panoramica chiara dei sei passaggi indispensabili per partire con il piede giusto. Il Business Plan è un documento strategico e operativo che definisce […]